Skip Navigation Links
Prima Pagina
Busto Arsizio
Valle Olona
Circondario
Lettere in Redazione
Skip Navigation Links
Cronaca
Politica e Società
Avvenimenti e Cultura
Imprese e lavoroExpand Imprese e lavoro
Sport
Skip Navigation Links
GMC News
Premio LetterarioExpand Premio Letterario
Skip Navigation Links
Commenta l'articolo
Archivio
Stampa
Cerca su l'Inform@zione:  
Aziende eccellenti  
Skip Navigation Links
Tutte
A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
X
Y
Z
QUALIDATA TELECOMUNICAZIONI Srl - Uboldo
Il futuro è a portata di mano, conquistiamolo!
Massimo Borrelli, direttore generale di Qualidata Telecomunicazioni Srl
“Tra il dire e il fare, bisogna sempre scegliere il fare!”. Semplice, sintetico, diretto: il programma di lavoro di Massimo Borrelli, direttore generale di Qualidata Telecomunicazioni Srl, non potrebbe essere più chiaro.
“Noi italiani siamo un popolo di pensatori per definizione. Ѐ necessario, però, che qualcuno - aggiunge - passi dalle dotte teorizzazioni alle realizzazioni concrete”.
Quarantasette anni appena compiuti, un’energia e un ottimismo contagiosi, la ferma volontà di trasformare le difficoltà di una congiuntura difficile e complicata in altrettante opportunità di crescita.
“La crisi che stiamo attraversando - sostiene con  convinzione e assoluta naturalezza, ricevendoci nella nuovissima e ultra moderna sede operativa di Uboldo - è una straordinaria occasione per migliorarci e conseguire nuovi successi”.
 
D’accordo, ma come si fa a passare dal pessimismo della ragione all’ottimismo della volontà? 
“L’importante è possedere una visione e perseguirla con tenacia e passione!”.
Qual è la “sua” visione?
“Mi sono sempre occupato di telecomunicazioni, già a partire dal 1985 allorché l’azienda si chiamava Qualitel. Nel 1995 è nata Qualidata.
Siamo stati fra i primissimi, in Italia, a credere nelle fibre ottiche. Il futuro sarà caratterizzato dalla fusione fra le tecnologie della telecomunicazione e quelle dell’information technology”.
 
Vale a dire?
“La diffusione sempre più ampia dell’information e communications technology. La trasmissione dei dati, delle informazioni non sarà più garantita dalle infrastrutture tradizionali, i cavi per intenderci, ma dalla rete. Il futuro, che in gran parte è già il presente di oggi, saranno i collegamenti wireless, senza fili. Stiamo entrando nella nuova era della gestione e della trasmissione delle informazioni, anzi ci siamo già entrati”.
 
Ossia?
“Quella che viene definita la cool era, cioè il tempo nel quale vincerà chi sarà in grado di fare tendenza, di vedere oltre il proprio naso. Il soggetto cool è colui che sa esattamente quello che bisogna fare e lo realizza effettivamente, magari un po’ prima rispetto a tutti gli altri. Ecco perché la mia filosofia di lavoro si condensa nella convinzione che fra il dire e il fare occorre scegliere il secondo!”.
 
Qualidata Telecomunicazioni impiega 25 persone e fattura 3,5 milioni di Euro all’anno.
“Certo, stiamo attraversando un periodo difficile. Però, come ho già detto, unendo le caratteristiche vincenti delle piccole e medie industrie italiane, cioè la fantasia e la creatività, con le moderne tecnologie - commenta Massimo Borrelli - potremo essere protagonisti sul mercato e non vittime. I nostri interlocutori sono le medie aziende, siamo inoltre inseriti nel progetto denominato Neu, numero unico europeo, il 115, e gestiamo tutte le sedi operative dei Vigili del Fuoco in Italia. Il nostro obiettivo primario - prosegue Borrelli - è diventare l’interlocutore unico delle imprese per tutto quello che riguarda le telecomunicazioni. La semplificazione è la base dell’ottimizzazione dei costi e dell’efficacia operativa”.
 
L’intera impalcatura economico-finanziaria dell’Unione Europea sta scricchiolando a cominciare dall’euro. Ce la faremo a uscire dalla bufera?
“Credo che l’Europa debba produrre ricchezza assecondando e (ri)valorizzando le sue proprie caratteristiche. Senza imitare nessuno. Ciascun sistema-Paese deve rispolverare il proprio bagaglio culturale e manageriale. Da questo punto di vista noi italiani partiamo favoriti: nessuno meglio e più di noi è dotato di fantasia e della capacita di attraversare i… guadi più difficili!
Penso inoltre che l’euro sia irreversibile. Mi sembra del tutto velleitario, irrealistico e controproducente anche solo immaginare di tornare indietro, rispolverando le vecchie monete nazionali. La storia va avanti, mai indietro! Smettiamola di farci del male, valorizziamoci e crediamoci. Non c’è altro da fare. Soprattutto per motivare i nostri giovani e offrire loro delle reali prospettive di futuro!”.


 
Luciano Landoni
pubblicato il: 27/06/2012

Quaker - Tradate
TRADATE – Il core business dell’azienda in gergo tecnico è costituito dalla produzione e commercializzazione di fluidi lubrorefrigeranti e lubrificanti. In altre parole: “Qualsiasi manufatto in metallo per essere lavorato ha bisogno di essere oleato e lubrificato. Noi, con i nostri prodotti, rendiamo possibile la lavorazione dei metalli”. Claudio Caldana, il manager responsabile dell’area vendite in Italia, Est europeo e Africa della Quaker Chemical Srl di Tradate apprezza molto (e pratica) la chiarezza e la sintesi.
QUANTA SYSTEM SPA - Samarate
SAMARATE – In California c’è la Silicon Valley e in provincia di Varese, precisamente in quel di Samarate, c’è la… terra del laser. Il merito è tutto del team Quanta System. Azienda leader a livello mondiale nella progettazione e realizzazione di impianti laser ad uso industriale, medicale e artistico. L’inaugurazione della nuova modernissima sede di Samarate (7.000 metri quadrati di superficie produttiva high tech, con laboratori di ricerca avveniristici e tre magazzini verticali integralmente robotizzati e ultrarapidi) è stata l’occasione giusta per riaffermare i primati di un esempio fra i più efficaci dell’eccellenza tecnologica “made in Italy”.
QUANTA SYSTEM SpA - Solbiate Olona
Esattamente cinquant’anni fa, nel 1960, il fisico americano Thomas Maiman, utilizzando un cristallo di rubino sintetico, costruì il primo LASER.
QUASAR DENTAL EQUIPMENT – Fagnano Olona
FAGNANO OLONA – Mamma, imprenditrice, scrittrice: Laura Orsolini, 39 anni, è abituata a fare tante cose e a farle tutte bene. “Il ‘segreto’ si chiama entusiasmo. E’ il motore – dice dagli uffici direzionali della Condor’s Rubber di Fagnano Olona, l’azienda fondata nel 1980 dal padre Fulvio – che spinge una persona a fare ciò che vuole”.
 



Mastini biancorossi sconfitti nel big-match
BUSTO ARSIZIO - La Busto Pallanuoto Renault Paglini cede il passo allo Sport Time Osio. Dopo cinq...
Uyba impresa sfiorata: la capolista Conegliano passa al tie-break
BUSTO ARSIZIO - Una coriacea Unet Yamamay lotta fino al tie break contro la capolista Conegliano ...

www.informazioneonline.it Tutti i diritti riservati
"l'Inform@zione on line" è un marchio di GMC editore di Marcora Gianluigi & C. s.n.c. via Bellingera 4 - 21052 Busto Arsizio (VA) - Tel. +39 0331 323633 - Fax +39 0331 321300 - P.Iva/C.F. 01198110122
Reg. Tribunale di Busto Arsizio n. 02/2011 del 28.3.2011 - Direttore responsabile: Gianluigi Marcora