Skip Navigation Links
Prima Pagina
Busto Arsizio
Valle Olona
Circondario
Lettere in Redazione
Skip Navigation Links
Cronaca
Politica e Società
Avvenimenti e Cultura
Imprese e lavoroExpand Imprese e lavoro
Sport
Skip Navigation Links
GMC News
Premio LetterarioExpand Premio Letterario
Skip Navigation Links
Commenta l'articolo
Archivio
Stampa
Cerca su l'Inform@zione:  
Aziende eccellenti  
Skip Navigation Links
Tutte
A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
X
Y
Z
AEREA SPA - Turate
L’etica del lavoro per volare in alto, sempre più in alto!
TURATE – Un investimento di 50 milioni di euro che si è potuto avviare dopo 8 anni di defatiganti “peregrinazioni” fra un ufficio e un altro, fra un’autorizzazione e un’altra, e che, una volta sbloccato, è diventato una straordinaria realtà aziendale in poco più di due anni.
 
La nuova sede della Aerea Spa di Turate, in provincia di Como, azienda leader a livello mondiale nella progettazione e produzione di componenti e sistemi di missione per il settore aeronautico e attualmente anche aerospaziale, con la costruzione di apparati per il dispiegamento di antenne e per il rilascio di piccoli satelliti nello spazio, occupa 140 dipendenti, si estende su una superficie di oltre 30.000 metri quadrati e racchiude in sé il meglio del meglio del saper fare italiano.
Coraggio, volontà, cervello, passione, competenza: di tutto e di più per conseguire, giorno dopo giorno, l’eccellenza manifatturiera “made in Italy” nel mondo.
“Quanto si sarebbe potuto fare di più e di meglio se avessimo potuto contare su un Paese normale!”, dice l’Ingegner Silvano Mantovani, amministratore delegato della società, 84 anni dinamicamente e spavaldamente portati.
 
In che senso?
“Leggi, regolamenti, disposizioni amministrative, vischiosità di ogni genere che ‘incastrano’ letteralmente l’impresa e la volontà di intraprendere in un combinato disposto perverso che ha come conseguenza la scarsa efficienza, come riportano i media, e può indurre alla corruzione il sistema Paese. E’ giusto e doveroso parlare di fabbrica 4.0, di innovazione spinta, di investimenti in ricerca e sviluppo ma mi domando: con quale rendimento se il contesto mortifica ogni tipo di sforzo finalizzato al miglioramento e alla crescita?”.
 
Non le sembra di esagerare?
“Il prendere atto della realtà dei fatti non è un’esagerazione. Abbiamo investito decine di milioni per realizzare la nostra sede operativa qui a Turate, trasferendoci da quella vecchia collocata a Milano. Abbiamo superato ostacoli per anni con le più irrazionali difficoltà quando dall’estero vengono proposte le più lusinghiere facilitazioni operative Lei non ha idea di quante proposte abbia ricevuto in tal senso: dal West Virginia negli Stati Uniti, dalla Svizzera, dalla Francia, …. Oltre che nelle infrastrutture abbiamo investito nel fattore umano: in questi ultimi dodici mesi abbiamo assunto 15 persone”.
 
Eppure lei è rimasto in Italia, chi gliel’ha fatto fare?
“La passione, il senso di responsabilità sociale, l’orgoglio di essere italiano. Buon Paese, cattivo Paese, questo è il mio Paese!  Sono molti coloro per i quali fare impresa non significa solo limitarsi a perseguire un utile diretto, ma  mettono in moto il cuore ed anche il senso etico. Sono nato nel Polesine, una terra di emigranti, in cui il valore del lavoro è sempre stato profondamente radicato. Mi sono laureato in ingegneria industriale alla fine degli anni ’50 al Politecnico di Milano e dopo una serie di esperienze professionali ai vertici manageriali, agli inizi degli anni ’70 ho accettato la ‘sfida’ di rilanciare Aerea: un’azienda del comparto aeronautico. Oggi, la società è totalmente controllata dalla famiglia e destina all’estero la maggior parte di ciò che produce. Siamo ripartiti dall’ingegneria di prodotto, abbiamo coltivato l’ingegneria di processo e abbiamo conseguentemente sviluppato la nostra capacità industriale. Ci siamo focalizzati nell’ambito dei cosiddetti equipaggiamenti di missione AME (Alternate Mission Equipment) per velivoli ad ala fissa e rotante. L’Italia prima di noi era tributaria all’estero”.
 
Aerea Spa fattura annualmente 32 milioni di euro e collabora con multinazionali come Lockeed, Airbus e Boeing.
“Lavoriamo prevalentemente per i programmi della Difesa e per progetti intergovernativi.
Consideriamo mercato ‘domestico’ – specifica l’Ingegner Mantovani - l’Europa e la Nato. Progettiamo la maggioranza dei prodotti che realizziamo. Oltre il 10% della nostra forza lavoro è impegnato nell’Ufficio Tecnico e il 70% dei nostri dipendenti è personale diplomato e laureato”.
 
Per quale motivo, in Italia, la “maledizione del Gattopardo” (tutto cambia e tutto rimane sempre uguale) sembra essere invincibile?
“L’apparato burocratico italiano non ha una lunga tradizione. Con l’Unità d’Italia è stato costituito in tempi brevi su un’aggregazione di piccoli stati. Ha basato e continua a basare il proprio potere sul possesso dell’interpretazione della norma, complessa ed incerta, con riferimento ad un potere centralizzato. Nel contempo non è mai venuto meno il concetto guicciardiniano del proprio particolare che prescinde da una responsabilità verso la collettività.” 
 
Come se ne può uscire?
“Recuperando un minimo di etica del comportamento e aggiungendovi un robusto innalzamento della preparazione tecnico-culturale. Dal 1946 al 1960 gli italiani hanno ricostruito l’Italia. Siamo stati capaci di realizzare a tempo record l’Autostrada del Sole, abbiamo organizzato le Olimpiadi a Roma e il debito pubblico era pari al 35% del Prodotto interno lordo il quale a sua volta stava raggiungendo quello della Francia e dell’Inghilterra. L’abbiamo fatto e possiamo e dobbiamo rifarlo. Così sarà possibile sconfiggere la soggettivizzazione del potere: tu vuoi fare questo? Da qui devi passare!”.
“Siamo rimasti in Italia – interviene la figlia Tiziana, 39 anni, in Aerea dal 2001, – con tutti i sacrifici del caso perché il senso del dovere ti appaga e ti stimola a fare sempre meglio: Noi ci crediamo. Questa nuova sede di Turate è dedicata a mio fratello Pietro che è prematuramente scomparso pochi anni fa. La sua vitalità, sì, proprio così: la sua vitalità! La sua determinazione, la sua esigente precisione non ci hanno abbandonato e… ‘lavora’ con noi tutti i giorni”.
 

 
Luciano Landoni
pubblicato il: 25/08/2016

A NOVO ITALIA SRL - Saronno
SARONNO – Prendete un po’ di filosofia schopenhaueriana (la realtà è volontà), rafforzatela con una granitica determinazione di rivalsa (“Ritornerò!” disse il Generale Douglas Mac Arthur dopo la sconfitta di Corregidor e lo fece da vincitore), aggiungeteci qualche frammento delle favole cinematografiche di Frank Capra (La vita è una cosa meravigliosa) e, per ultimo, mescolate bene il tutto così da ottenere la storia vera di Enzo Muscia.
AEROSVILUPPI Srl - Lonate Pozzolo
La passione che si trasforma in business. L’amore romantico per il volo che Giuseppe Blini ha sempre avuto nel cuore e nella mente diventa, nel 1975, una vera e propria “officina aeronautica” all’interno della quale, di sera, dopo le ore di lavoro “ufficiali”, lo stesso Blini - un lonatese che ancora oggi, a 71 anni suonati, non ha perso un briciolo del suo entusiasmo per i cieli azzurri e infiniti - con alcuni suoi amici, dà libero sfogo al suo desiderio più grande: costruire un aeroplano.
AETHERNA Srl - Lomazzo
LOMAZZO – Ѐ giovane (36 anni), iper attivo (la sua azienda è passata in un biennio da 150.000 euro di fatturato a quasi un milione), crede nelle idee nuove (“Troppe persone – dice – vedono le cose come le vogliono vedere e non come potrebbero essere!”), quello che non gli piace lo cambia senza stare troppo a pensarci (“A cominciare dal mio nome di battesimo, che non ho mai potuto sopportare. Per tutti – precisa con un tono che non ammette replice – sono Ross”), il futuro non si limita a prevederlo… preferisce cambiarlo secondo la sua personalissima “visione d’impresa”.
AFFETTI POMPE - Castellanza
CASTELLANZA – Sono solo 5 le imprese industriali nel mondo capaci di progettare e fabbricare pompe in grado di sopportare le sollecitazioni estreme provocate dai liquidi più corrosivi, a cominciare dall’acqua di mare. Una fra queste è la Affetti Pompe di Castellanza. “L’azienda è stata fondata da mio padre Giuseppe intorno alla metà degli anni ’60 come impresa costruttrice di impianti industriali adibiti al contenimento e al convogliamento di liquidi corrosivi”, spiega Alberto Affetti.
ALFATHERM SpA - Venegono Superiore
Nell’atrio della scuola di management dell’Università americana di Harvard c’è una targa con sopra scritto: se tra dieci anni la vostra attività imprenditoriale sarà la stessa di oggi, con ogni probabilità sarete fuori mercato.
ALFREDO GRASSI SpA - Lonate Pozzolo
La Tessitura Alfredo Grassi fu G. (dove la G sta per: Giulio), fondata a Busto Arsizio nel 1925, “non provvede solo alla produzione di tessuti, ma anche alla confezione in serie di camicie, pigiami, tute, vestiti da uomo.
ANTICA TRATTORIA - Sorrento
SORRENTO – Sono due delle colonne portanti su cui si regge il concetto stesso, la filosofia di vita del “made in Italy”. La passione per il cibo e l’arte della cucina. Come in Italia, in nessun’altra parte del mondo sia la prima che la seconda si possono apprezzare e gustare, nel senso più ampio e completo del termine. Il Belpaese è in assoluto la prima superpotenza planetaria … a tavola (con buona pace dei “cugini” francesi).
AQUATECHNIK Spa - Magnago
MAGNAGO – Ci sono quelli che… non fanno un tubo e quelli che, viceversa, ne producono qualche milione di metri. La famiglia Petenà appartiene a questa seconda categoria. “L’azienda è stata fondata da mio padre Lino nel 1985 – esordisce Marco Petenà, 45 anni, managing director dell’Aquatechnik di Magnago – quando aveva 41 anni. Inizialmente, commercializzavamo i tubi prodotti da un’azienda tedesca. Poi, dopo qualche anno, siamo diventati produttori autonomi…”.
ARETA INTERNATIONAL Srl - Gerenzano
Il mercato delle biotecnologie in Italia significa un business di poco meno di 5 miliardi di Euro, con 228 aziende sparse sul territorio nazionale.
 



Mastini biancorossi sconfitti nel big-match
BUSTO ARSIZIO - La Busto Pallanuoto Renault Paglini cede il passo allo Sport Time Osio. Dopo cinq...
Uyba impresa sfiorata: la capolista Conegliano passa al tie-break
BUSTO ARSIZIO - Una coriacea Unet Yamamay lotta fino al tie break contro la capolista Conegliano ...

www.informazioneonline.it Tutti i diritti riservati
"l'Inform@zione on line" è un marchio di GMC editore di Marcora Gianluigi & C. s.n.c. via Bellingera 4 - 21052 Busto Arsizio (VA) - Tel. +39 0331 323633 - Fax +39 0331 321300 - P.Iva/C.F. 01198110122
Reg. Tribunale di Busto Arsizio n. 02/2011 del 28.3.2011 - Direttore responsabile: Gianluigi Marcora