Skip Navigation Links
Prima Pagina
Busto Arsizio
Valle Olona
Circondario
Lettere in Redazione
Skip Navigation Links
Cronaca
Politica e Società
Avvenimenti e Cultura
Imprese e lavoroExpand Imprese e lavoro
Sport
Skip Navigation Links
GMC News
Premio LetterarioExpand Premio Letterario
Skip Navigation Links
Commenta l'articolo
Archivio
Stampa
Cerca su l'Inform@zione:  
Aziende eccellenti  
Skip Navigation Links
Tutte
A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
X
Y
Z
AFFETTI POMPE - Castellanza
Dai grandi acquari agli impianti ittici del Nord Europa
CASTELLANZA – Sono solo 5 le imprese industriali nel mondo capaci di progettare e fabbricare pompe in grado di sopportare le sollecitazioni estreme provocate dai liquidi più corrosivi, a cominciare dall’acqua di mare.
Una fra queste è la Affetti Pompe di Castellanza. “L’azienda è stata fondata da mio padre Giuseppe intorno alla metà degli anni ’60 come impresa costruttrice di impianti industriali adibiti al contenimento e al convogliamento di liquidi corrosivi”, spiega Alberto Affetti.
 
Dal padre al figlio, la tradizione imprenditoriale di famiglia continua?
“Tutti i giorni – risponde Alberto Affetti – mio padre viene in azienda e i suoi consigli, frutto di una grande esperienza professionale, sono sempre preziosissimi. Dalle origini ad oggi, la proiezione internazionale dell’azienda si alquanto accentuata”.
 
La Affetti Pompe impiega una quindicina di persone e oltre l’80% del suo fatturato è destinato verso i mercati stranieri.
“In realtà, tenuto conto dell’export indiretto, potremmo tranquillamente dire il 90%!”.
Insomma, una piccola impresa abituata a misurarsi quotidianamente e globalmente con una concorrenza agguerrita e, molto spesso, maggiormente strutturata (soprattutto in relazione alle dimensioni).
“Siamo piccoli ed estremamente flessibili, operativamente parlando. La nostra forza sta essenzialmente – sottolinea Alberto Affetti – nella capacità di realizzare un prodotto ‘su misura’ per ogni singolo cliente”.
 
A proposito di clienti, quali sono i principali sbocchi commerciali per il vostro prodotto?
“Tutto il comparto dell’oil-gas; i grandi acquari sparsi nel mondo, a cominciare da quello di Genova; gli impianti di desalinizzazione dell’acqua”.
Appartenere ad una ristretta élite produttiva e occupare di conseguenza una nicchia di mercato significa innovare costantemente?
“Certamente sì. Dalle elettropompe in materiale termoplastico siamo passati, alla fine degli anni ’80 grazie agli studi applicati del nostro Ufficio Progettazione, alla costruzione le pompe della serie centrifughe a trascinamento magnetico e centrifughe orizzontali. In tempi più recenti abbiamo iniziato a produrre pompe in vetroresina e, all’interno di questa nicchia… nella nicchia, abbiamo acquisito competenze uniche che ci permettono e ci permetteranno di qualificare ulteriormente il nostro lavoro”.
 
Come chiuderete il 2015?
“Con un incremento del fatturato intorno al 5-6% rispetto all’anno precedente”.
Soddisfatto?
“Mica tanto. Le previsioni erano di aumentare fino al 20%. Ci dobbiamo ‘accontentare’ di un quarto…”.
Cosa è successo?
“Fino a maggio-giugno gli ordinativi sono stati più che buoni. A partire dalla seconda metà del 2015 il mercato internazionale prima si è fermato, soprattutto la Cina e gli altri Paesi emergenti, e poi è letteralmente crollato”.
 
Problemi occupazionali?
“La nostra occupazione è stabile, anzi, grazie al Jobs Act, quest’anno ho assunto delle persone”.
Prospettive future?
“Stiamo lavorando per acquisire un’importante commessa da parte dei grandi impianti ittici del Nord Europa. Se l’obiettivo verrà centrato si determinerà un vero e proprio salto di qualità. Dovremo, almeno in parte, ristrutturare l’azienda: attualmente per le prove di affidabilità delle nostre pompe possiamo contare su un serbatoio d’acqua della capienza di 6 metri cubi, ne avremo bisogno di uno con una capienza pari a 36 metri cubi. Non so se mi spiego?”.
Si spiega benissimo. Si tratterebbe di un bel problema nel senso letterale del termine?
“Certo, i ‘problemi’ legati alla crescita aziendale sono sempre bei problemi…”.
 
 

 
Luciano Landoni
pubblicato il: 19/11/2015

A NOVO ITALIA SRL - Saronno
SARONNO – Prendete un po’ di filosofia schopenhaueriana (la realtà è volontà), rafforzatela con una granitica determinazione di rivalsa (“Ritornerò!” disse il Generale Douglas Mac Arthur dopo la sconfitta di Corregidor e lo fece da vincitore), aggiungeteci qualche frammento delle favole cinematografiche di Frank Capra (La vita è una cosa meravigliosa) e, per ultimo, mescolate bene il tutto così da ottenere la storia vera di Enzo Muscia.
AEREA SPA - Turate
TURATE – Un investimento di 50 milioni di euro che si è potuto avviare dopo 8 anni di defatiganti “peregrinazioni” fra un ufficio e un altro, fra un’autorizzazione e un’altra, e che, una volta sbloccato, è diventato una straordinaria realtà aziendale in poco più di due anni...
AEROSVILUPPI Srl - Lonate Pozzolo
La passione che si trasforma in business. L’amore romantico per il volo che Giuseppe Blini ha sempre avuto nel cuore e nella mente diventa, nel 1975, una vera e propria “officina aeronautica” all’interno della quale, di sera, dopo le ore di lavoro “ufficiali”, lo stesso Blini - un lonatese che ancora oggi, a 71 anni suonati, non ha perso un briciolo del suo entusiasmo per i cieli azzurri e infiniti - con alcuni suoi amici, dà libero sfogo al suo desiderio più grande: costruire un aeroplano.
AETHERNA Srl - Lomazzo
LOMAZZO – Ѐ giovane (36 anni), iper attivo (la sua azienda è passata in un biennio da 150.000 euro di fatturato a quasi un milione), crede nelle idee nuove (“Troppe persone – dice – vedono le cose come le vogliono vedere e non come potrebbero essere!”), quello che non gli piace lo cambia senza stare troppo a pensarci (“A cominciare dal mio nome di battesimo, che non ho mai potuto sopportare. Per tutti – precisa con un tono che non ammette replice – sono Ross”), il futuro non si limita a prevederlo… preferisce cambiarlo secondo la sua personalissima “visione d’impresa”.
ALFATHERM SpA - Venegono Superiore
Nell’atrio della scuola di management dell’Università americana di Harvard c’è una targa con sopra scritto: se tra dieci anni la vostra attività imprenditoriale sarà la stessa di oggi, con ogni probabilità sarete fuori mercato.
ALFREDO GRASSI SpA - Lonate Pozzolo
La Tessitura Alfredo Grassi fu G. (dove la G sta per: Giulio), fondata a Busto Arsizio nel 1925, “non provvede solo alla produzione di tessuti, ma anche alla confezione in serie di camicie, pigiami, tute, vestiti da uomo.
ANTICA TRATTORIA - Sorrento
SORRENTO – Sono due delle colonne portanti su cui si regge il concetto stesso, la filosofia di vita del “made in Italy”. La passione per il cibo e l’arte della cucina. Come in Italia, in nessun’altra parte del mondo sia la prima che la seconda si possono apprezzare e gustare, nel senso più ampio e completo del termine. Il Belpaese è in assoluto la prima superpotenza planetaria … a tavola (con buona pace dei “cugini” francesi).
AQUATECHNIK Spa - Magnago
MAGNAGO – Ci sono quelli che… non fanno un tubo e quelli che, viceversa, ne producono qualche milione di metri. La famiglia Petenà appartiene a questa seconda categoria. “L’azienda è stata fondata da mio padre Lino nel 1985 – esordisce Marco Petenà, 45 anni, managing director dell’Aquatechnik di Magnago – quando aveva 41 anni. Inizialmente, commercializzavamo i tubi prodotti da un’azienda tedesca. Poi, dopo qualche anno, siamo diventati produttori autonomi…”.
ARETA INTERNATIONAL Srl - Gerenzano
Il mercato delle biotecnologie in Italia significa un business di poco meno di 5 miliardi di Euro, con 228 aziende sparse sul territorio nazionale.
 



Mastini biancorossi sconfitti nel big-match
BUSTO ARSIZIO - La Busto Pallanuoto Renault Paglini cede il passo allo Sport Time Osio. Dopo cinq...
Uyba impresa sfiorata: la capolista Conegliano passa al tie-break
BUSTO ARSIZIO - Una coriacea Unet Yamamay lotta fino al tie break contro la capolista Conegliano ...

www.informazioneonline.it Tutti i diritti riservati
"l'Inform@zione on line" è un marchio di GMC editore di Marcora Gianluigi & C. s.n.c. via Bellingera 4 - 21052 Busto Arsizio (VA) - Tel. +39 0331 323633 - Fax +39 0331 321300 - P.Iva/C.F. 01198110122
Reg. Tribunale di Busto Arsizio n. 02/2011 del 28.3.2011 - Direttore responsabile: Gianluigi Marcora