Skip Navigation Links
Prima Pagina
Busto Arsizio
Valle Olona
Circondario
Lettere in Redazione
Skip Navigation Links
Cronaca
Politica e Società
Avvenimenti e Cultura
Imprese e lavoroExpand Imprese e lavoro
Sport
Skip Navigation Links
GMC News
Premio LetterarioExpand Premio Letterario
Skip Navigation Links
Commenta l'articolo
Archivio
Stampa
Cerca su l'Inform@zione:  
Aziende eccellenti  
Skip Navigation Links
Tutte
A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
X
Y
Z
GRUPPO ALFANO - Busto Arsizio
L’evoluzione della specie, l’edilizia che arreda!
Le proprie radici non si devono mai rinnegare. Nello stesso tempo, però, occorre adeguarsi ai tempi che cambiano e attrezzarsi per “conquistare” il futuro, cercando di esserne protagonisti e non... vittime.

Facile a dirsi, molto più difficile a farsi, soprattutto quando in ballo c’è l’impresa di famiglia. Una “creatura” delicata che può addirittura soffrire per il troppo “amore” che il fondatore nutre per essa, al punto da impedirle di crescere e di evolversi.

“Non è proprio il nostro caso. Nostro padre Giuseppe ha sempre rappresentato, e rappresenta tuttora, con la sua esperienza e la sua lungimiranza, il motore vero della crescita del gruppo!”.

Davide Alfano, responsabile gestionale dell’omonimo Gruppo edilizio, guarda con affetto e ammirazione la figura del padre, Presidente del Gruppo medesimo, e gli riconosce un ruolo primario nel processo di cambiamento che sta trasformando l’azienda nel suo complesso.

“Con cautela e con la precisa consapevolezza della necessità di essere sempre all’altezza dei tempi - gli fa eco il fratello Biagio, a capo dello sviluppo dinamico dell’area edile e di quella deputata ai servizi - stiamo passando dalla conduzione familiare alla gestione manageriale dell’impresa.

Senza mai perdere di vista il senso della concretezza che ci hanno instillato i nostri genitori e, contemporaneamente, con la volontà di fare qualche cosa di nuovo”.

Agli inizi degli anni ’70, esattamente nel 1974, con sede a Fagnano Olona, il Gruppo Alfano ha iniziato la propria attività imprenditoriale suddividendola in quattro nuclei operativi: Alfano Costruzioni, Area edile, Alfano Divisione Immobiliare e Immobiliare Alessandra.
 
“Già all’epoca però - interviene Maria Grillo, moglie di Giuseppe Alfano - io e mio marito decidemmo di distinguerci, tanto è vero che oltre alle costruzioni civili ed industriali e al commercio di materiale edile, puntammo sull’edificazione e sul restauro di chiese ed oratori”.

Il 2007 ha rappresentato un momento di svolta per la storia dell’intero Gruppo.
“Sì, è vero. Alla fine dello scorso anno - sostiene Davide Alfano - ci siamo trasferiti dalla vecchia sede di Fagnano Olona a quella di Busto Arsizio, in prossimità dei 5 Ponti: oltre 9.000 metri quadrati di superficie complessiva che ospiteranno, i lavori non sono ancora finiti, gli uffici direzionali, i magazzini, lo show room per l’arredo bagno e le piastrelle e i depositi macchinari.
Si è trattato di un investimento non indifferente, testimonianza evidente della nostra volontà di continuare a crescere e di farlo evolvendoci”.

Qual è l’attuale carta d’identità del Gruppo Alfano?
“Oltre 70 dipendenti diretti, con un indotto di altri 30-40, un fatturato annuo pari a circa 20 milioni di euro - risponde Davide Alfano - e la volontà precisa di diversificare l’attività al punto tale da arrivare a proporre soluzioni edilizie che, per la loro qualità e il loro pregio architettonico, riescano ad ‘arredare’ il contesto socio-urbano nel quale verranno inserite”.

Come arriverete ad un simile obiettivo?
“Attraverso una vera e propria rivisitazione delle strategie operative, accentuando la nostra dimensione manageriale.
Il fatturato - osserva Biagio Alfano - verrà sostanzialmente tripartito in queste quote: il 70% dedicato alle attività di costruzione e ristrutturazione; il 20% incentrato sull’area edile così da diventare, nel giro di poco tempo, un vero e proprio centro di eccellenza per l’intero territorio provinciale dal punto di vista del design-arredamento, del prodotto offerto, dei servizi post-vendita e, infine, il rimanente 10% riferito all’attività immobiliare. Il tutto caratterizzato dalla massima qualità e con una vera e propria esaltazione del made in Italy. Penso in particolare all’arredo bagno. Vorremmo inaugurare un nuovo modo di costruire. Faremo nostra la formula: edilizia che arreda!”.

A partire dall’estate 2007 si è scatenata la bufera finanziaria legata ai mutui subprime americani che ha letteralmente disastrato i mercati, soprattutto quello della casa. Come l’avete vissuta e la state vivendo?
“Devo dire che siamo riusciti ad arginarne le ripercussioni. La Alfano Costruzioni - replica Davide Alfano - continua ad essere in netta crescita.
Attualmente ci stiamo specializzando nella realizzazione di palestre e centri benessere. Si tratta di un’area in crescita che ci sta dando molte soddisfazioni. In ogni caso, siamo riusciti a mantenere i nostri margini di sicurezza: allo stato attuale delle cose abbiamo lavoro assicurato per i prossimi 2-3 anni”.

È di qualche settimana fa la “vittoria” di Milano su Smirne per l’organizzazione dell’Expo internazionale 2015. Solo qualche cifra per inquadrare sinteticamente l’evento: investimenti immobiliari e infrastrutturali dai 14 ai 24 miliardi di Euro, 70.000 nuovi posti di lavoro, 29 milioni di turisti previsti. Quali saranno le ripercussioni per il sistema economico locale?
“Stiamo valutando attentamente tutte le opportunità che indubbiamente ci saranno. Soprattutto per l’area del cosiddetto Asse del Sempione. Ci conforta il fatto - intervengono all’unisono i fratelli Alfano - che le normative preposte alla sicurezza e alla qualità saranno estremamente rigorose così da favorire le aziende più serie e scremare tutte le altre”.

Il tema della sicurezza sul posto di lavoro continua ad essere di drammatica attualità, in particolare per il settore edile dove le cosiddette “morti bianche” continuano ad essere troppo numerose: qual è la politica del vostro gruppo in rapporto all’intera problematica?
“Di grandissima e costante attenzione. Sulla sicurezza non si scherza! Uno dei capitoli più importanti per il nostro gruppo, in merito alla valorizzazione delle risorse umane, è proprio quello dedicato alla formazione finalizzata alla sicurezza.
Investiamo in media - spiega Biagio Alfano, mentre ci mostra l’aula formazione che è uno dei fiori all’occhiello della nuova sede di Busto - oltre 70.000 euro all’anno in formazione: 1.000 euro per dipendente, senza tenere conto del costo inerente tutto il materiale antinfortunistico adottato all’interno dei diversi cantieri che gestiamo. Abbiamo sviluppato una collaborazione intensa con il Comitato Paritetico Territoriale: l’organismo provinciale che si affianca all’Asl per la sicurezza sul luogo di lavoro. Io stesso curo i corsi per i ponteggi e per il pronto soccorso.
Lo ripeto: la formazione e l’attenzione in tema di sicurezza non bastano mai!”. “Il vero valore aggiunto per un’impresa - si inserisce il fratello Davide - è costituito dalle persone che vi lavorano: nel corso di questo 2008 aumenteremo l’occupazione di almeno 10-15 nuove unità, e saranno tutte figure professionali altamente qualificate. Attribuiamo un’importanza strategica alla selezione del personale e alla sua motivazione. Vogliamo sviluppare figure professionali specifiche rispetto alle tre aree cruciali al cui interno si giocherà il futuro del nostro Gruppo: gestionale, organizzativa e commerciale”.

Cosa significa, in concreto, applicare il concetto di “qualità totale” al mercato della casa?
“Tante cose. Investire sull’eccellenza energetica, per esempio, realizzando case di ‘classe A’ certificata, in maniera tale da ottimizzare il consumo e la gestione dell’energia all’interno delle abitazioni. Sviluppare materiali alternativi così da rispettare e valorizzare al massimo l’ambiente.
È chiaro che molto dipende e dipenderà dall’educazione del mercato: la consapevolezza, cioè, che il fattore rilevante non può essere solo ed esclusivamente il prezzo.
Nel Trentino Alto Adige, per esempio, c’è una legge regionale che obbliga i costruttori a seguire determinati standard di qualità nella realizzazione delle abitazioni.
Perché in Lombardia non c’è un provvedimento legislativo analogo? Noi - concludono i fratelli Alfano - abbiamo deciso di investire anche sul fronte della riqualificazione del mercato perché siamo assolutamente convinti che la qualità, nel tempo, paga sempre. L’importante, soprattutto per le aziende serie, è che i consumatori se ne rendano conto a loro volta”.

Forse, bisogna... solo aiutarli a capirlo.
“Nessun problema, siamo qui per questo!”.
 
l’Inform@zione n. 15 del 18 aprile 2008

 
Luciano Landoni
pubblicato il: 25/07/2014

G & G PAGLINI – RENAULT - Castellanza
“Perché le cose accadano ci vuole un luogo dove la tua storia incontra il tuo futuro”. Sono le parole che si possono leggere sulle pareti del nuovissima sede della concessionaria G & G PAGLINI-RENAULT di Castellanza (inaugurazione ufficiale giovedì prossimo).
G & G PAGLINI - RENAULT - Castellanza
CASTELLANZA - Giovedì 18 settembre, l’inaugurazione della nuovissima sede a Castellanza della Concessionaria Renault Paglini è stata l’occasione per ribadire, nei fatti, quanto la passione, il lavoro e l’impegno possano rappresentare gli “strumenti” migliori e più efficaci per fronteggiare e sconfiggere la Grande Crisi. Giorgio Paglini e le sue due figlie Elena e Laura hanno accolto i numerosissimi invitati all’inaugurazione ufficiale del Paglini Renault Store trasmettendo loro dosi massicce di “ottimismo della volontà”, a suggello di cinquant’anni di attività.
GALDABINI SpA - Cardano al Campo
La caduta libera si è interrotta (era ora!), abbiamo toccato il fondo (era ora!), adesso confidiamo ardentemente ci sia il “rimbalzo” verso l’alto. Tanto più che la diffusa “sfiducia ha compresso la domanda interna ben oltre quanto giustificato dalla situazione oggettiva dei bilanci familiari e aziendali”.
GASPAROLI SRL - Gallarate
GALLARATE – Si fa presto a dire “made in Italy”: tre parole che possono voler dire tutto e niente al tempo stesso...
GEMELLI SpA - Canegrate
L’imprenditore del 3° millennio assomiglia un po’ agli esploratori del passato: è impegnato a scoprire nuove nicchie di mercato, trasformando delle potenziali opportunità di crescita in reali prospettive di sviluppo. Una ricerca non facile, nel mare agitato della cosiddetta globalizzazione.
GERARDI SpA - Lonate Pozzolo
Secondo le elaborazioni del Centro Studi Ucimu-Sistemi per produrre su dati Istat (consuntivi 2004 e previsioni per l’anno successivo), l’andamento produttivo 2005 per i costruttori di macchine utensili sembra essere confortante, con un’accentuazione della propensione verso l’export.
GEXNANO Srl - Gerenzano
Metti insieme le idee innovative, le conoscenze, i progetti di sviluppo, le visioni del futuro di due biologi molecolari, di un biologo genetista e di un laureato in economia e commercio con master in diritto delle biotecnologie e cosa ottieni?
GIORIA Spa – Lonate Pozzolo
LONATE POZZOLO – “La qualità paga sempre. Anche in tempo di crisi. Anzi, soprattutto in tempo di crisi!”. La strategia operativa di Dario Gioria, 53 anni, presidente della Gioria Spa di Lonate Pozzolo e del gruppo merceologico aziende metallurgiche-siderurgiche dell’Unione degli Industriali della provincia di Varese, è estremamente chiara e pure semplice. A patto, ovviamente, che alle parole seguano i fatti.
GIOVANNI CLERICI & FIGLI SPA - Gallarate
GALLARATE – Fra meno di tre anni, esattamente nel 2019, la Giovanni Clerici & Figli Spa di Gallarate compirà 150 di vita produttiva. Fondata nel 1869 da Giovanni Clerici, l’azienda, oggi, si estende su un’area di circa 25.000 metri quadrati...
GIUSEPPE BELLORA SpA - Fagnano Olona
Centotrent’anni di vita aziendale sulle spalle ti permettono di guardare con un certo distacco i problemi di oggi e di affrontare quelli di domani con il ragionevole ottimismo di chi ne ha viste “di cotte e di crude”.
GIUSEPPE GIANA SpA – Magnago
MAGNAGO – L’avventura imprenditoriale dei fratelli Giuseppe, Paolo, Pierino e Arturo Giana comincia negli anni del “miracolo economico” italiano e prosegue negli anni fino a quando il sodalizio si scioglie e Giuseppe, classe 1943, nel 1990 con la moglie Carmen fonda la Giuseppe Giana Spa.
GOGLIO SPA - Daverio
DAVERIO – Nonostante l’esito del recente referendum popolare inglese – universalmente noto come Brexit – abbia contribuito non poco ad innalzare il livello di caos mondiale, è necessario ricorrere proprio allo slogan coniato dal governo britannico nel 1939 “Keep Calm and Carry On”...
GOLF BROTHERS Srl - Gallarate
Una delle capitali mondiali del lusso si trova a Gallarate: in fondo a via Costa, c’è un portoncino di legno dipinto con il classico british racing green, aperto il quale si accede alla Golf Brothers-Selleria italiana.
GRAIA Srl - Varano Borghi
Dalle autostrade in asfalto (con relativi caselli) per le auto a quelle d’acqua (con relativi caselli) per… i pesci. Alla GRAIA SRL di Varano Borghi (l’acronimo sta per: Gestione e Ricerca Ambientale Ittica Acque), in riva al lago di Comabbio, si occupano proprio di “autostrade acquatiche”.
GRAND HOTEL DES ILES BORROMÉES & SPA - Stresa
STRESA – Gli studiosi del mercato del lavoro le definiscono “ancore professionali”, vale a dire vocazioni a svolgere uno specifico lavoro talmente forti da risultare predominanti e insopprimibili. L’àncora professionale di Marco Padulazzi è sempre stata quella dell’albergatore. Tanto è vero che da quasi trent’anni è l’amministratore delegato del Grand Hotel des Iles Borromées & Spa di Stresa, un 5 stelle “categoria lusso” al vertice delle classifiche internazionali degli alberghi.
GRUPPO PANICO COSTRUZIONI – Napoli
BUSTO ARSIZIO – I napoletani… “invadono” Busto Arsizio e la “ristrutturano”. Calma e gesso, stiano pur tranquilli i leghisti doc della prima e dell’ultima ora, si tratta di una… “invasione” del tutto pacifica, anzi, assolutamente benefica. Nel senso che ridarà dignità estetica e residenziale al centro storico di Busto Arsizio...
GUIDO ZOCCHI - Morazzone
Guido Zocchi, 59 anni portati atleticamente, ha ascoltato una trasmissione di Radio 24 che l’ha messo di buon umore. “Sì, è proprio così. Secondo le stime dell’Organizzazione Mondiale del Commercio nel 2012 l’Italia è entrata nel ristretto club dei +100 miliardi di dollari”.
GUTTADAURO COMPUTERS & SOFTWARE Srl – Cassano Magnago
CASSANO MAGNAGO – “L’informatica non fa guadagnare, ma apre la mente!”. Dice così, senza tanti preamboli, Gaetano Guttadauro, 56 anni, managing director della Guttadauro Computers & Software Srl di Cassano Magnago.
 



Mastini biancorossi sconfitti nel big-match
BUSTO ARSIZIO - La Busto Pallanuoto Renault Paglini cede il passo allo Sport Time Osio. Dopo cinq...
Uyba impresa sfiorata: la capolista Conegliano passa al tie-break
BUSTO ARSIZIO - Una coriacea Unet Yamamay lotta fino al tie break contro la capolista Conegliano ...

www.informazioneonline.it Tutti i diritti riservati
"l'Inform@zione on line" è un marchio di GMC editore di Marcora Gianluigi & C. s.n.c. via Bellingera 4 - 21052 Busto Arsizio (VA) - Tel. +39 0331 323633 - Fax +39 0331 321300 - P.Iva/C.F. 01198110122
Reg. Tribunale di Busto Arsizio n. 02/2011 del 28.3.2011 - Direttore responsabile: Gianluigi Marcora