Skip Navigation Links
Prima Pagina
Busto Arsizio
Valle Olona
Circondario
Lettere in Redazione
Skip Navigation Links
Cronaca
Politica e Società
Avvenimenti e Cultura
Imprese e lavoroExpand Imprese e lavoro
Sport
Skip Navigation Links
GMC News
Premio LetterarioExpand Premio Letterario
Skip Navigation Links
Commenta l'articolo
Archivio
Stampa
Cerca su l'Inform@zione:  
Aziende eccellenti  
Skip Navigation Links
Tutte
A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
X
Y
Z
PLAST 80 Srl - Fagnano Olona
La “seconda vita” della... plastica!
“L’importante è non buttare via niente!”. Ilenia Giuffré, dinamica e giovane manager della PLAST 80 Srl di Fagnano Olona, lo ripete spesso e lo considera un vero e proprio imperativo categorico.
 
Recuperare, rigenerare e riutilizzare le materie plastiche: il core business della piccola azienda di Fagnano (18 dipendenti, un fatturato che sfiora i 3 milioni di Euro annui ed un export che incide per circa il 20%) è tutto incentrato, anzi concentrato sulle “tre erre”. Recupero, rigenerazione e riutilizzo.
 
“L’azienda - dice Ilenia - l’hanno fondata mio padre Rosario e mia madre Silvana nel 1980 e si è sempre occupata del compound rigenerato di prima qualità. Vale a dire, il recupero di pvc. Maciniamo gli scarti plastici, li lavoriamo mediante i processi di estrusione e stampaggio, e li vendiamo agli stampatori e agli estrusionisti.

Gli scarti derivano dal pvc e da altri tecnopolimeri. A causa della crisi, di recente abbiamo diversificato la nostra attività: il compound, oltre a venderlo, lo impieghiamo per realizzare dei profilati in plastica, composti da pvc espanso e farina di legno, che possono trasformarsi nei prodotti più svariati. Dalle passatoie utilizzate negli impianti balneari ai cestini collocati nei parchi per raccogliere carta e plastica; dalle panchine alle staccionate; dai cancelli alle fioriere. Gli utilizzi possono essere veramente tanti”.

Niente scarti, anzi si (ri)parte proprio dagli scarti delle materie plastiche per produrre qualcosa di nuovo?
“Esattamente. La nostra è una vera e propria produzione verde. Rispettosa dell’ambiente e attenta alle esigenze dell’eco-sistema. Non a caso, uno dei problemi più gravi è proprio quello della gestione dei rifiuti e degli scarti. Nel nostro caso lo scarto è come se avesse una... nuova vita”.

Mica male come slogan.
“Non è solo uno slogan. Si tratta di una linea produttiva vera e propria che ha dato vita a una nuova divisione operativa dell’azienda di famiglia: Profilmi, nata nel 2006. La gestiamo direttamente io e mio fratello Michele, ecco il significato del nome che abbiamo scelto. Si tratta di una nostra particolarità: i nomi dei nostri prodotti ricalcano quelli dei componenti della famiglia. La staccionata per i parchi che realizziamo si chiama Maddy, da Maddalena che è il nome di mia figlia.
Soprattutto per l’arredo esterno abbiamo brevettato la linea psv, che significa: plastica seconda vita. Abbiamo ottenuto la certificazione da parte dell’Istituto Promozione Plastica da Riciclo (IPPR) di Confindustria che attesta ufficialmente il nostro impegno nell’ambito della cosiddetta green economy”.

Le utilizzazioni finali sono innumerevoli.
“Direi proprio di sì. Ne ho già accennato: dall’arredo urbano a quello balneare, senza dimenticare le panchine o le aree per il ricovero dei carrelli all’esterno dei grandi supermercati. Quest’ultima destinazione d’uso è nata da un’idea che abbiamo avuto insieme ad altre aziende con cui, circa un anno e mezzo fa, abbiamo costituito una rete. L’abbiamo chiamata Rete Cradle to Cradle, letteralmente: dalla culla alla culla, nel senso che si ritorna all’origine della materia prima, cioè la plastica, riutilizzandone gli scarti”.

Da chi è composta questa “rete”?
“Per ora le aziende sono tre. La nostra più altre due di Rho: una specializzata nella progettazione e l’altra che produce pannelli. Lo scopo è quello di creare una vera e propria integrazione di filiera produttiva. La rete è naturalmente aperta alla partecipazione di altre imprese. L’obiettivo è scommettere sul prodotto verde. Una... scommessa molto ragionata e poco azzardata. Gli enti pubblici, nonostante le pastoie pesantissime del patto di stabilità, sono obbligati a concentrare almeno il 30% di tutti i loro acquisti sui prodotti verdi. Chiaro, no? Bisogna sviluppare al massimo la fantasia per superare gli ostacoli che le aziende si trovano davanti al loro cammino. E sono veramente tanti, un po’ troppi!”.

Proviamo a indicarne alcuni in particolare.
“C’è solo l’imbarazzo della scelta, purtroppo. Non c’è dubbio, però, che i problemi in assoluto più spinosi - interviene la signora Silvana, mamma di Ilenia - siano il peso spropositato delle tasse (ormai siamo ad una percentuale che supera ampiamente il 50%!), quello altrettanto gravoso della burocrazia (noi, nella nostra attività di riciclo, abbiamo bisogno di numerosi permessi da parte degli enti pubblici e molto spesso dobbiamo scontrarci con una confusione incredibile di ruoli e competenze) e la difficoltà crescente di accesso al credito”.

Due parole, due, sul futuro immediato.
“Punteremo molto sulla plastica di seconda vita. Di recente, abbiamo rigenerato i bicchieri in plastica delle mense della Banca Popolare di Milano e li abbiamo trasformati in gadget, tipo penne, riutilizzati dalla stessa banca. L’ho detto all’inizio e lo ripeto: non buttiamo via niente e non mandiamo nulla in discarica. Chiediamo solo una cosa: - conclude Ilenia Giuffrè - lasciateci lavorare in pace!”. A buon intenditore, poche parole.

l’Inform@zioneonline - 21 giugno 2013


 



 
Luciano Landoni
pubblicato il: 22/07/2014

PANGBORN EUROPE Srl - Caronno Pertusella
La Grande Crisi, la peggiore degli ultimi ottant’anni, da ormai cinque anni deprime il sistema economico-finanziario mondiale e erode la base occupazionale.
PARAH SpA - Gallarate
Più di mezzo secolo di storia, esattamente 55 anni. Edda Paracchini e Giovanni Piazzalunga, marito e moglie, iniziano la loro avventura imprenditoriale nel 1950, producendo artigianalmente pochi capi di corsetteria e vendendoli nei mercati rionali. Una storia di coraggio e di inventiva come tante altre nel periodo faticoso e laborioso dell’immediato dopo guerra, preludio al cosiddetto boom economico dei “favolosi” anni ’60.
PARCOL SpA
La voglia di fare qualcosa di nuovo (magari precorrendo di qualche decennio i tempi), di sperimentare soluzioni innovative per migliorare l’esistente, di intraprendere in proprio sono delle... molle potenti da cui possono scaturire idee e progetti che, a loro volta, costituiscono la base ideale su cui fondare le imprese di successo.
Parotex Srl - Busto Arsizio
BUSTO ARSIZIO – La biancheria per alberghi penta stellati, categoria lusso, dalle lenzuola alle tovaglie e tovaglioli al top dell’eleganza e della raffinatezza, è rigorosamente “made in Busto Arsizio”. Parotex Srl è da quarant’anni esatti che crede fermamente nella qualità. “E’ così – spiega il fondatore dell’azienda, Gelmino Rovea, settant’anni quest’anno, dagli uffici direzionali della ultra moderna sede operativa collocata nella zona industriale sud-ovest di Busto - che abbiamo potuto crescere anno dopo anno, anche nei periodi più difficili”.
PERSTORP SpA - Castellanza
Sviluppo economico e qualità della vita sono fra loro complementari oppure no? È vera crescita quella che va a scapito della salute delle persone? Preoccuparsi di salvaguardare l’ambiente è più importante rispetto all’incremento del Pil?
PIETRO CARNAGHI SpA - Villa Cortese
Alla categoria delle cattedrali (ci sono quelle religiose e quelle … nel deserto) ne va aggiunta una: la cattedrale industriale. Per rendersi conto di che cosa si tratti, è necessario fare una puntata a Villa Cortese, un piccolo comune in provincia di Milano, fra Legnano e Busto Arsizio. Ѐ lì che c’è il quartier generale della PIETRO CARNAGHI SPA...
PIETRO RIMOLDI & C. SRL - Castellanza
CASTELLANZA – La formula “magica” è composta da due sole parole: innovare continuamente! Alla Pietro Rimoldi & C. Srl di Castellanza la mettono in pratica tutti i giorni, compresi quelli non lavorativi. “Me l’ha insegnato mio padre Pietro che ha fondato l’azienda...
PRAEZISION Srl - Bodio Lomnago
BODIO LOMNAGO – Il significato delle parole racchiude molto spesso lo spirito e la vocazione di chi le utilizza. Luigi Rinaldi, alla fine degli anni ’60, importava dall’allora Germania Ovest articoli per il disegno tecnico, più esattamente degli affila mine: vale a dire delle piccole “campane” dotate di una ghiera abrasiva che servivano per appuntire le mine da disegno. Strumenti costruiti con una cura e una precisione assolute...
Primetals Technologies Italy Srl - Marnate
MARNATE - L’obiettivo è ambizioso, molto ambizioso: diventare leader mondiale nel settore degli impianti siderurgici e metallurgici. Per raggiungerlo due multinazionali del calibro di Siemens e Mitsubishi Heavy Industries and Partners hanno dato vita ad una joint venture dalla quale è nata Primetals Technologies...
PRINCIPE SPA - Calcinate del Pesce
“Quando le vacche erano grasse, andava tutto bene e si sopportava tutto. Il passato è… passato senza che nessuno dei problemi che ostacolano la voglia di impresa venisse risolto. Adesso, in un momento difficile e complicato che diventa sempre più difficile e complicato ogni giorno che passa, tutti i nodi vengono al pettine. Bisogna cambiare. Basta con la burocrazia che soffoca le aziende. Basta!”. Questo lo sfogo di Elio Maroni, alla guida della PRINCIPE SPA...
 



Mastini biancorossi sconfitti nel big-match
BUSTO ARSIZIO - La Busto Pallanuoto Renault Paglini cede il passo allo Sport Time Osio. Dopo cinq...
Uyba impresa sfiorata: la capolista Conegliano passa al tie-break
BUSTO ARSIZIO - Una coriacea Unet Yamamay lotta fino al tie break contro la capolista Conegliano ...

www.informazioneonline.it Tutti i diritti riservati
"l'Inform@zione on line" è un marchio di GMC editore di Marcora Gianluigi & C. s.n.c. via Bellingera 4 - 21052 Busto Arsizio (VA) - Tel. +39 0331 323633 - Fax +39 0331 321300 - P.Iva/C.F. 01198110122
Reg. Tribunale di Busto Arsizio n. 02/2011 del 28.3.2011 - Direttore responsabile: Gianluigi Marcora