Skip Navigation Links
Prima Pagina
Busto Arsizio
Valle Olona
Circondario
Lettere in Redazione
Skip Navigation Links
Cronaca
Politica e Società
Avvenimenti e Cultura
Imprese e lavoroExpand Imprese e lavoro
Sport
Skip Navigation Links
GMC News
Premio LetterarioExpand Premio Letterario
Skip Navigation Links
Commenta l'articolo
Archivio
Stampa
Cerca su l'Inform@zione:  
Aziende eccellenti  
Skip Navigation Links
Tutte
A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
X
Y
Z
ILMA PLASTICA Srl - Gavirate
Dal passato al futuro... di plastica!
Correva l’anno 1938 e a Oltrona di Gavirate, quasi in riva al lago, qualcuno aveva intuito che la plastica avrebbe rappresentato una fetta importante del futuro industriale italiano.
Questo qualcuno si chiamava Antonio Caraffini e in un piccolo scantinato della sua abitazione, con un suo amico, cominciò a produrre bocchini in plastica per pipe.
“È così che è stata fondata la Ilma Plastica - dice l’attuale amministratore unico della società di Oltrona di Gavirate, Antonio Caraffini, nipote del fondatore - immediatamente prima della 2ª guerra mondiale.
Dopo il periodo bellico, allo zio subentrò mio padre Dante: un uomo forte, deciso, intelligente, abituato a fare tutto da sé!”.
La storia dell’azienda riproduce in piccolo quella dell’industrializzazione del sistema Paese: abbandonata la produzione di bocchini per pipe (dopo la guerra avevano fatto ...irruzione le sigarette), comincia quella dei tappi per i tubetti di dentifricio; successivamente, negli anni ’50, Dante Caraffini entra in società con il mitico Giovanni Borghi (il “padre-padrone” della Ignis), e dal sodalizio nasce la Simpa che produce componenti in plastica per gli elettrodomestici realizzati dalla stessa Ignis.
La Ilma, dal canto suo, collabora con altre aziende storiche del Varesotto: la Inda (specializzata nei sanitari per i bagni), la Usag (utensileria) e sviluppa sempre di più l’utilizzo del materiale termoplastico entrando in contatto con le multinazionali americane, tipo la General Electric a cui fornisce gli involucri dei televisori.
“Mio padre Dante - racconta il figlio Antonio - fu uno dei protagonisti del boom economico italiano e contribuì a fare della Provincia di Varese una delle vere e proprie culle dell’industria manifatturiera nazionale”.
Alla fine degli anni ’60 Giovanni Borghi acquista dall’amico Dante Caraffini la quota in possesso di quest’ultimo della Simpa e “così mio padre - dice Antonio Caraffini - si concentrò totalmente sullo sviluppo della Ilma”.

Come è stato il rapporto padre-figlio, aziendalmente parlando?
“Io sono entrato in azienda, regolarmente assunto, nel 1977. Ho cominciato facendo... l’autista: andavo a prendere i clienti all’aeroporto e li portavo a Gavirate.
Poi ho cominciato a seguirli secondo la nostra filosofia aziendale: dal preventivo all’acquisizione dell’ordine; dallo studio dell’ufficio tecnico alla vendita vera e propria e all’assistenza post-vendita.
I rapporti di lavoro con mio padre sono stati difficili, inutile negarlo. Era un accentratore, abituato a fare tutto.
Le deleghe te le dovevi conquistare. Però, devo dire che mi ha insegnato tantissimo. È morto nel 2001 e ha lasciato un grande vuoto”.
Oggi, Ilma Plastica è una realtà industriale che occupa 180 persone, fattura 26 milioni di Euro l’anno, l’85% della produzione finisce all’estero, e detiene una solida leadership nella progettazione e costruzione di paraurti per auto.
“Oltre ai paraurti, produciamo anche - spiega Antonio Caraffini - gli stampi che vengono utilizzati per la realizzazione di altri manufatti, tipo le sedie da giardino. Stampiamo pure i pezzi per auto non di grosse dimensioni. Facciamo poi i contenitori industriali, vale a dire cassoni da 100 a 700 litri.
Insomma, per noi la diversificazione produttiva è un tassello importante della strategia operativa aziendale”.
Il parco clienti della Ilma Plastica comprende il gotha del settore automobilistico mondiale: Audi, Bmw, Toyota, Mercedes, Fiat, Lamborghini, Renault, Peugeot, Opel, Ford, Maserati, Volkswagen e... chi più ne ha più ne metta.

Rispetto ai tempi del “difficile” rapporto di lavoro con il padre, oggi i problemi da risolvere, con la Grande Crisi che continua a incombere, sono ancora più complicati?
“Diciamo che una volta c’era un rapporto più diretto e frequente con le persone. Oggi non c’è quasi più il rapporto umano.
Poche settimane fa ho compiuto sessant’anni e, sarà anche per l’età che avanza, un po’ di nostalgia la provo. I ‘rapporti telematici’ non è che siano molto soddisfacenti, anche se fanno risparmiare tempo e denaro.
D’altra parte chi non si adegua e non si aggiorna è perduto”.

In che senso?
“Voglio dire che è impossibile ‘rifiutare’ le nuove tecnologie informatiche. Chi lo fa si pone automaticamente fuori dal mercato.
Nella nostra azienda ci sono 140 personal computer e non circola più nemmeno un pezzo di carta. I disegni dei progetti sono visibili solo via cad, non ce ne sono più di cartacei. Chi non è in grado di lavorare così o impara alla svelta, oppure se ne va. Non ci sono alternative. Così come non ci sono alternative alla ricerca e all’innovazione”.

Lo dicono un po’ tutti.
“Noi lo diciamo e lo facciamo. Il nostro ufficio tecnico, il vero e proprio fiore all’occhiello dell’azienda, occupa ben 25 persone: prevalentemente giovani diplomati e laureati. La persona in assoluto più vecchia che lavora in Ilma è il sottoscritto”.

Come vanno le cose, che anno sarà il 2013?
“Il lavoro di stampaggio c’è, soprattutto per quanto riguarda gli sbocchi sui mercati esteri. Abbiamo in cantiere tanti nuovi progetti. Come diceva lo zio Antonio, che ci ha lasciati nel 1963, che Dio ce la mandi buona e possibilmente... senza troppo vento!”.

Più in generale, come vede il futuro?
“Nelle mani dei giovani. Mio figlio Stefano, 26 anni, e mia figlia Alessandra, 28 anni, entrambi laureati, lavorano in azienda. Ho anche due generi che lavorano qui con me. Non mi lamento”.
Per “celebrare” degnamente i primi 75 anni di “vita aziendale” Antonio Caraffini ha chiesto alla figlia Alessandra di curare la pubblicazione del libro intitolato: “Ilma Plastica: una storia ‘lunga’ 75 anni!”.
Fra le tante testimonianze racchiuse nelle 119 pagine del testo, nel capitolo “Dipendenti e dirigenza... un punto di forza!” ce n’è una che racchiude l’intera filosofia aziendale: “Penso di poter dire - racconta Leonardo Volponi - che pur attraversando tempi duri, riusciamo a trovare stimoli positivi che ci portano a dare la giusta spinta propositiva alla nostra attività”.
Chiaro, semplice, efficace.
 
l’Inform@zione n. 11 del 15 novembre 2013
 



 
Luciano Landoni
pubblicato il: 18/07/2014

I PIZZAIOLI DI TRAMONTI - Busto Arsizio
Un disco di pasta, con l’aggiunta di mozzarella e pomodoro. Vale a dire la pizza. La “bandiera” della cultura gastronomica italiana nel mondo.
ICAP LEATHER CHEM SPA - Lainate
LAINATE - Il 2015 è l’anno di un doppio compleanno particolare: quello dell’Industria chimica ausiliari per pelli (Icap) e quello del suo amministratore unico Antonio Gandolfi. Nel primo caso gli anni sono 70, nel secondo 80. “L’azienda l’ha fondata mio padre Giuseppe...
IMBALLAGGI ALTO MILANESE – Busto Arsizio
È dal mese di giugno di quest’anno che la fiducia nel futuro della famiglia Bianchi, che dal 1970 “inscatola” nel legno ogni genere di prodotto industriale, si è riconfermata. La nuovissima sede aziendale, all’interno della zona industriale di Busto Arsizio, si estende per circa 14.000 metri quadri (6.000 dei quali coperti) e include i due vecchi stabilimenti produttivi di Olgiate Olona e Gorla Minore.
IMBALLAGGI ALTO MILANESE Srl - Olgiate Olona
“Io penso agli habitat naturali, penso alla cosa più importante che è... abbracciare le piante”. Recitava così una delle ultime e più belle canzoni di Giorgio Gaber: “Il potere dei più buoni”.
IMEAS SpA – Villa Cortese
VILLA CORTESE - L’Industria Macchine e Attrezzature Speciali (IMEAS) nasce nel maggio 1966 ad opera di Abramo Termignone e dei fratelli Carnaghi. “Mio nonno di parte materna, classe 1923, era un milanese doc. Il cognome gli deriva dal fatto che la famiglia da cui proveniva era nativa di Termignon, un piccolo paese della Savoia francese”, spiega Francesco Zenere...
INNOVUUM Srl - Gallarate
Il caso e la necessità. L’incontro casuale al bar per un caffè caldo fra due vecchi amici e il desiderio impellente, da parte di uno di loro, di cambiare lavoro. La combinazione di questi due fattori ha fatto nascere, il 2 febbraio 2011, Innovuum Srl.
INTECH GROUP SpA - Busto Garolfo
L’Italia è un paese per vecchi? Sì, tanto e vero che l’età media degli italiani (43,5 anni) è tra le più elevate al mondo dopo quelle di Giappone e Germania.
IoBoscoVivo Srl - Vergiate
VERGIATE – Prendete un imprenditore (Flavio Vergani) la cui azienda (K.C.S. Srl di Vergiate) è al top tecnologico nella realizzazione di circuiti stampati e dalla coscienza talmente “verde” che più “verde” non si può, aggiungeteci la sua passione per l’ambiente e per la salute (le due cose sono strettamente collegate) e cosa ottenete? Semplice: una società agricola che si chiama IoBoscoVivo Srl.
ISAF BUS COMPONENTS SRL - Mornago
Se Karl Marx fosse ancora in vita stringerebbe calorosamente la mano a Massimo Sessa e gli farebbe pure i complimenti. Lasciare l’azienda di famiglia ai dipendenti è qualcosa certamente di sinistra, che più di sinistra non si può. “Per me – replica il diretto interessato, Massimo Sessa, settant’anni quest’anno, in concomitanza con i “primi” 50 di vita produttiva della Isaf Bus Components Srl di Mornago -, non avendo figli, si tratta di puro buon senso. Anche perché, politicamente parlando, sono sempre stato – ci tiene a precisare Sessa – e sono di destra…”
ISEF Srl - Carnago
Fra Solbiate Arno e Carnago si colloca uno dei poli nazionali dello stampaggio a caldo: uno dei settori industriali di più antica tradizione e, proprio per questo, di maggior rischio nell’attuale mercato globalizzato e iper-selettivo.
ITAL ESPANSO - Venegono Inferiore
Robin Hood, come tutti sanno, era un formidabile arciere: scoccava le sue frecce che infallibilmente centravano il bersaglio. Abilità naturale, certo, ma anche tanto esercizio e altrettanta applicazione. Insomma, il… cliente ideale della Ital Espanso (lavorazione poliuretano espanso) di Venegono Inferiore...
ITALTETTI Srl - Busto Arsizio
La fame di materie prime per alimentare il motore economico dei sistemi industrializzati è la principale caratteristica che identifica sia le cosiddette società avanzate, sia quelle in via di sviluppo.
 



Mastini biancorossi sconfitti nel big-match
BUSTO ARSIZIO - La Busto Pallanuoto Renault Paglini cede il passo allo Sport Time Osio. Dopo cinq...
Uyba impresa sfiorata: la capolista Conegliano passa al tie-break
BUSTO ARSIZIO - Una coriacea Unet Yamamay lotta fino al tie break contro la capolista Conegliano ...

www.informazioneonline.it Tutti i diritti riservati
"l'Inform@zione on line" è un marchio di GMC editore di Marcora Gianluigi & C. s.n.c. via Bellingera 4 - 21052 Busto Arsizio (VA) - Tel. +39 0331 323633 - Fax +39 0331 321300 - P.Iva/C.F. 01198110122
Reg. Tribunale di Busto Arsizio n. 02/2011 del 28.3.2011 - Direttore responsabile: Gianluigi Marcora