MEGANE 2016
Skip Navigation Links
Prima Pagina
Busto Arsizio
Valle Olona
Circondario
Lettere in Redazione
Skip Navigation Links
Cronaca
Politica e Società
Avvenimenti e Cultura
Imprese e lavoroExpand Imprese e lavoro
Sport
Skip Navigation Links
GMC News
Premio LetterarioExpand Premio Letterario
Skip Navigation Links
Commenta l'articolo
Archivio
Stampa
Cerca su l'Inform@zione:  
Valle Olona
<HR>
CERIMONIA UFFICIALE ALLA CASERMA UGO MARA
L’Albania nuovo Paese partner del Comando Nato
SOLBIATE OLONA - Il Corpo d’Armata di Reazione Rapida della NATO in Italia (NRDC-ITA) ha un nuovo Paese alleato fra i propri contributori.
 
L’Albania è stata ufficialmente accolta fra i Paesi partner del NRDC-ITA, e  la Caserma “Ugo Mara”, sede del Comando,  ha salutato con una cerimonia l’arrivo del Capitano di Fregata Edion Hoxhaj- della Marina Militare Albanese, rappresentante del nuovo contingente. 
 
L'evento è stato presieduto dai Vertici del Comando della "Mara" ed ha visto la partecipazione di tutti i rappresentanti nazionali dei 12 contingenti già presenti. 
 
L’Albania è stato l’ultimo Paese in ordine di tempo  ad aderire alla Nato, insieme alla Croazia, nell'aprile 2009, portando così a 28 il numero dei membri dell’alleanza. La sua partecipazione al Comando di Solbiate Olona fornisce un notevole valore aggiunto, ancora più significativo nell’ambito del processo che NRDC-ITA sta conducendo da tempo, di preparazione per riconfigurarsi, a partire dal 2018, quale Land Component Command.
 
Si tratta, di fatto, della componente terrestre della eNRF, ossia la “enhanced” NATO Response Force, uno strumento militare di reazione “avanzato”, che per rapidità di intervento e capacità operative schierabili, consente all’alleanza di fronteggiare con immediatezza qualsiasi minaccia e con tempi di schieramento brevissimi può rispondere a situazioni di crisi ed emergenze.
 
Il Comando NATO di Solbiate Olona sarà responsabile della parte terrestre della Forze assegnate alla Very-High Readiness Joint Task Force (VJTF), il cui compito sarà quello di assicurare la prima e immediata risposta della Nato a possibili minacce, con la capacità di schierare l'intero dispositivo militare in un arco di tempo compreso tra i 5 e i 15 giorni dal preavviso d'ordine. Si configura così un  “pacchetto” di Forze multinazionali ad elevata prontezza operativa, composto da circa 5.000 uomini e supportato da una componente aerea, marittima e da forze speciali.
 
L’Italia è la nazione guida e fornisce circa il 70 per cento del personale, mentre il restante 30 per cento é composto da militari provenienti da altre 12 nazioni che hanno preso parte a questo progetto: Albania, Bulgaria, Francia, Germania, Grecia, Olanda, Regno Unito, Slovenia, Spagna, Stati Uniti, Turchia e Ungheria. Includendo il personale assegnato alla Brigata di Supporto al Comando NRDC-ITA, la popolazione interna si compone di più di 2000 persone. 

Silvia Bellezza
pubblicato il: 10/03/2017



Mastini biancorossi sconfitti nel big-match
BUSTO ARSIZIO - La Busto Pallanuoto Renault Paglini cede il passo allo Sport Time Osio. Dopo cinq...
Uyba impresa sfiorata: la capolista Conegliano passa al tie-break
BUSTO ARSIZIO - Una coriacea Unet Yamamay lotta fino al tie break contro la capolista Conegliano ...

www.informazioneonline.it Tutti i diritti riservati
"l'Inform@zione on line" è un marchio di GMC editore di Marcora Gianluigi & C. s.n.c. via Bellingera 4 - 21052 Busto Arsizio (VA) - Tel. +39 0331 323633 - Fax +39 0331 321300 - P.Iva/C.F. 01198110122
Reg. Tribunale di Busto Arsizio n. 02/2011 del 28.3.2011 - Direttore responsabile: Gianluigi Marcora